da parmadaily.it del 18 giugno

Sesto anno di vita per BorgoSound Festival, presentato giovedì 14 giugno nella sede dell’associazione I Nostri Borghi, in strada XX Settembre 53 a Parma. L’iniziativa è nata da un’idea di Roberto Pallini per valorizzare le giovani band musicali rivitalizzando al tempo stesso spazi cittadini problematici, anche attraverso il coinvolgimento di associazioni di volontariato e società sportive.

«Da vent’anni la nostra associazione I Nostri Borghi si adopera per la sicurezza della città, ottenibile anche attraverso attività culturali, sociali e ricreative importanti come deterrente per la microcriminalità», ha esordito il presidente Fabrizio Pallini, «la nostra zona in questi anni è migliorata moltissimo ma si può fare di più… abbiamo creato situazioni che hanno portato tranquillità in un quartiere difficile, evitando il rischio ghetto; la finalità è quindi sempre quella di portare famiglie e giovani a vivere il centro storico».

Dedicato alle band giovani e giovanissime, il concorso musicale a premi dà spazio anche ai gruppi di età più avanzata, creando un sano confronto generazionale. Le serate di selezione saranno cinque, sempre di venerdì, dal 29 giugno fino a fine luglio; si riprenderà il 31 agosto con i gruppi «Over» e si proseguirà con la semifinale e la finale rispettivamente il 7 e il 14 settembre. Il sabato successivo alla finale la «Cena sotto le stelle», con la partecipazione di alcuni gruppi partecipanti al festival, farà da festa conclusiva nei borghi.

Ormai consolidata la collaborazione con l’Avis comunale, per invitare i giovani al dono del sangue, dov’è necessario un ricambio generazionale: come ha sottolineato Salvatore Iori, BorgoSound è un momento importante per incrementare le donazioni, purtroppo quest’anno in forte calo.

La parola è quindi passata al direttore artistico Egidio Tibaldi: «anche quest’anno ci sono molte adesioni, le iscrizioni sono aperte fino a fine giugno. I ragazzi sono tutti agguerriti, e motivati dal fatto che il BorgoSound festival premia la composizione di testi originali, riconoscendo un titolo di merito in più a chi crea musica e testi. Ci sono gruppi che partecipano da quattro anni, si è creata una famiglia di artisti, cantanti, musicisti, alcuni hanno stretto amicizia. Quest’anno l’ANMIC quest’anno sarà al centro delle nostre iniziative, infatti un giornalista dell’associazione presenterà di volta in volta un artista o uno sportivo disabile». Altra novità, gli organizzatori del Palio di Parma saranno invitati a presentare le varie “porte” partecipanti: un altro tassello che si inserisce nelle finalità de I Nostri Borghi, associazione che ha sempre puntato sulle tradizioni e sulla difesa del vernacolo, con un cuore aperto verso la città.

Come nell’edizione 2017, a presentare artisti e ospiti del palco di pietra saranno Emanuela Spagnoli e Marco Stocchi, già presentatore dei «Giochi delle sette frazioni», che ha elogiato BorgoSound come momento unificante, importantissimo in un mondo in cui tutto ci divide. Unificante è anche la partecipazione delle attività di ristorazione del quartiere.

Oltre ai vari premi offerti da sponsor e sostenitori – Iren, Varese, poliambulatorio Maria Luigia, Galloni costruzioni, Archimmagine, Valenti Studio Sport, centro musicale L’Accademia, Osteria Rangon, Hamburger Gourmet – anche quest’anno BorgoSound Festival può contare sul patrocinio del Comune di Parma e sulla collaborazione del Parma Calcio 1913, che offrirà un abbonamento da sorteggiare fra il pubblico votante e la maglia crociata per il gruppo vincitore.

Le iscrizioni sono aperte fino a esaurimento dei posti disponibili, regolamento e scheda d’iscrizione sono scaricabili dal sito inostriborghi.it

Scarica la locandina



Gazzetta di Parma 3.7.2018
Borgosound. I Sezione Aurea si aggiudicano la prima serata