AVIS Area Scuola

 

70° Anniversario di Avis Comunale – Approfondimento di Stefania Bonfatti Sabbioni (Responsabile Area e Vicepresidente Avis Comunale)

Avis Comunale Parma ha ormai spento la sua 70^ candelina, ma in tutti questi anni non ha mai smesso di andare a scuola, infatti fin dalla nascita dell’Associazione, i volontari avisini hanno sempre considerato il contesto scolastico come il luogo educativo “per eccellenza”, per poter trasmettere ai ragazzi valori importanti come l’altruismo e la solidarietà, presupposti fondamentali per diventare adulti responsabili .
In questi 70 anni la scuola è profondamente cambiata, ed in un periodo storico in cui i mutamenti sociali viaggiano con ritmi velocissimi, Avis Parma, ha avuto il merito di riuscire a rimanere costantemente al passo con i tempi, elaborando di volta in volta, nuove strategie che le consentissero di agire sempre in sinergia con gli insegnanti per la promozione di una cittadinanza partecipata.
Con il trascorrere degli anni l’approccio metodologico con gli alunni delle scuole cittadine è avvenuto in modo differenziato a seconda dei periodi di riferimento: si è passati dalle prime “testimonianze” dirette, ai cartelloni con rappresentazioni del sistema circolatorio, alle diapositive, alla collaborazione con le società sportive per diffondere la pratica di sani stili di vita e corretta alimentazione, per arrivare in tempi più recenti a progetti maggiormente mirati alla diffusione, al sostegno e allo sviluppo della cultura della solidarietà e del volontariato nel senso più ampio del termine, proponendosi attivamente e diventando in seguito di fatto una vera e propria risorsa educativa su questi temi in ambito scolastico.
Ed è proprio nell’ultimo quinquennio che all’interno dell’Area Scuola di Avis Comunale, nata allo scopo di condividere esperienze e progetti, è avvenuto un profondo e radicale cambiamento che non esitiamo a definire epocale, in quanto ha segnato il passo della fine di un’epoca aprendo le porte a nuovi orizzonti.
Dopo la firma del Protocollo d’Intesa nell’Aprile del 2011, infatti ,l’Area Scuola è diventata un gruppo stabile che si riunisce periodicamente per agire in modo sempre più organizzato e ogni anno scolastico, elabora un progetto denominato “AVIS L’Alfabeto della Solidarietà” comprendente percorsi differenziati dedicati ad ogni ordine di scuola, utile per poter essere inserito nel Piano dell’Offerta Formativa dei vari Istituti Scolastici cittadini. Questo progetto , dopo 70 anni, ancora oggi ci qualifica come partner organizzati ed affidabili in campo formativo e come esempio fattivo di collaborazione costruttiva fra scuola ed associazioni territoriali. Gli alunni incontrati ogni anno nelle scuole cittadine sono circa 2500 e fra i percorsi proposti e realizzati possiamo anche annoverare i progetti creati e messi a disposizione da Avis Nazionale come “Rosso Sorriso” e “+Volontari-Bulli” che hanno riscosso un grandissimo successo. Ovviamente questi cambiamenti di tipo sia progettuale che operativo hanno determinato una forte esigenza da parte dei volontari dell’Aera Scuola di acquisire nuove competenze in campo educativo, che sono state conseguite in seguito ad innovativi corsi di formazione gestiti da persone qualificate a livello universitario.
Oggi a distanza di 70 anni dai nostri primi timidi ingressi nelle scuole, armati della sola buona volontà e da una buona dose di altruismo, possiamo contare sulla presenza di numerosi volontari competenti, che grazie al loro assiduo e sempre rinnovato impegno, sono in grado di progettare e realizzare percorsi nuovi da sperimentare, valutandone di volta in volta l’efficacia educativa.

Quest’anno gli studenti del Liceo Artistico P.Toschi, in occasione del 70° compleanno di Avis Comunale Parma, hanno aderito al nostro progetto scolastico, realizzando come prodotto finale 40 opere di tipo grafico, con le quali è stata allestita una mostra all’interno della nostra Sala Convegni. Il lavoro giudicato maggiormente significativo è stato premiato e utilizzato come copertina per l’Assemblea Annuale 2016.
 
 
 

Anno scolastico 2014/2015

PROGETTO SCUOLA: “AVIS… l’alfabeto della solidarietà” 2014/2015
 
SINTESI DEL PROGETTO

“E’ compito peculiare delle Scuole del Primo Ciclo d’Istruzione (Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado) porre le basi per l’esercizio della cittadinanza attiva” (Ind. Ministero Pubbl. Istruz. 2007).
La sinergia di azione fra scuola e volontariato rappresenta quindi, una delle possibili vie per far nascere e consolidare nei ragazzi motivazioni etiche e di solidarietà sociale.
Avis Comunale, presente già da molto tempo in modo capillare nelle scuole di Parma, con il Progetto “L’Alfabeto della Solidarietà”, si rivolge ai docenti per promuovere nell’ambito dell’educazione alla cittadinanza, percorsi sempre innovativi, rispondenti alle attese di una realtà in forte cambiamento, garantendo al tempo stesso una significativa continuità con il contesto extrascolastico di riferimento.
Al centro delle nostre proposte vi è un concetto di donazione che non è unicamente legato al dono del sangue, ma che sviluppa e sostiene prospettive di più ampio respiro che implichino svariate forme di solidarietà ed altruismo, qualsiasi aspetto esse assumano.

Quest’anno, per poter sollecitare i ragazzi ad atteggiamenti di solidarietà e nel contempo partecipare alla vita della scuola come autentica risorsa educativa, AVIS propone:
1) Nuovi Moduli Divulgativi: calibrati per ogni ordine di scuola e basati su diverse tipologie di intervento, che intendono rispondere, per tematiche e modalità, alle esigenze delle varie fasce di età scolare.
2) Rosso Sorriso: per le Scuole dell’Infanzia o classi prime e seconde della Scuola Primaria ( vedi allegato 1 )
3) Adulti Attivi e Solidali: modulo dedicato a genitori ed insegnanti, per integrare maggiormente i significati dell’azione AVIS all’interno della vita familiare, sociale e della didattica curricolare. Puo prevedere anche incontri con la compresenza di genitori e studenti per un maggior confronto e conoscenza dei rispettivi mondi e pensieri.
A cura del Dott.Carosio Docente Universitario.
4) Educare all’Affettività: modulo dedicato a genitori e insegnanti volto al sostegno del concetto di “Comunità Educativa” che vede nella Scuola, nella Famiglia, nelle organizzazioni di aggregazione giovanile e di volontariato, quali AVIS, la promozione sinergica dei valori positivi della vita.
A cura delle Psicologhe Marisa Mengarelli e Azzurra Vescovi.
(I moduli 3 e 4 sono rivolti ad un numero limitato di classi, previo accordo con gli insegnanti )
Come sempre, nel pieno rispetto dell’autonomia scolastica, ed in base al Protocollo d’Intesa siglato in accordo con l’Ufficio Scolastico Regionale, il Comune di Parma e tutti gli Istituti Comprensivi cittadini, chiediamo che le attività proposte dall’AVIS Comunale, possano essere inserite nel POF delle Scuole coinvolte per poterlo
integrare.

DESTINATARI DEL PROGETTO

Il progetto è rivolto agli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria e seconde della Scuola Secondaria di Primo grado di tutti gli Istituti Comprensivi cittadini e, solo per il Progetto Rosso Sorriso, alle Scuole dell’Infanzia e alle classi prime della Scuola Primaria (esclusivamente per i docenti che si sono prenotati l’anno scorso ).

OBIETTIVI DEL PROGETTO

  • Educare alla cittadinanza attiva, alla convivenza civile, all’altruismo e al senso di responsabilità
  • Diffondere fra gli alunni ed i loro genitori, la cultura del dono, in particolare della donazione di sangue, e dell’attenzione verso gli altri
  • Educare alla salute attraverso l’analisi delle problematiche ematiche e la prevenzione delle malattie ad esse correlate, mantenendo stili di vita corretti, come alimentazione sana, pratica dello sport evitando l’assunzione di sostanze potenzialmente tossiche quali alcool e droghe
  • Consolidare il senso di appartenenza ad un territorio con il quale interagire in modo attivo
  • Trasmettere valori universalmente condivisibili come la solidarietà per creare crescenti motivi di coesione fra le varie culture

MODALITA’ DI INTERVENTO

Le modalità di svolgimento del progetto saranno differenziate a seconda della tipologia di intervento effettuata da nostri volontari, da concordare direttamente con loro: potranno variare da quelle di tipo maggiormente “scientifico” della durata di circa un’ora, a quelle di tipo narrativo-teatrale che richiedono un impegno di circa due ore. Solo per il progetto Rosso Sorriso, sono previsti piu incontri comprensivi di laboratori ( vedi scheda allegata ).

RISORSE UMANE

  • Volontari AVIS Scuola
  • Docenti coinvolti nel progetto
  • Medici volontari aderenti al progetto
  • Testimonial
  • Dott. Enrico Carosio Docente Universitario (solo in alcune classi per attivita di coaching)

La Responsabile Area Scuola e
Vicepresidente di AVIS Comunale Parma
Stefania Bonfatti Sabbioni

 

Allegato n. 1
PROGETTO “ROSSO SORRISO”

Il Progetto “Rosso Sorriso”, nasce da un’idea di AVIS Provinciale Bergamo ed è dedicato ai bambini della Scuola dell’Infanzia e a quelli delle prime classi della Scuola Primaria. Può essere utilizzato anche come attività-ponte fra i due ordini di scuole e nasce dalla convinzione che la donazione, ivi compresa quella del sangue, sia un evento intimamente correlato al sorriso alla festa, alla gioia. Ciascuno può contribuire a testimoniare la cultura della reciprocità, dello scambio, del dono. Nella cura della relazione fondata sull’idea di persona e del suo valore, sta la forza della vita. Dell’unicità dell’atto della donazione come azione di amore per la vita.

Le attività legate a questo progetto iniziano con il racconto di una Fiaba che con la mimica, la recitazione e l’animazione, trasportano i bambini in un mondo dove donare agli altri, fa vivere una vita a colori. Il valore e la gioia della condivisione vengono contrapposti al grigio, alla tristezza e alla solitudine di chi resta chiuso fra le proprie pareti senza preoccuparsi degli altri.

Accanto alla favola sono stati creati due percorsi ludico-didattici: entrambi sono proposti come azione condivisa in cui il gioco diventa un evento d’incontro.

Il primo è un laboratorio manuale, che guida con maestria e genialità, attraverso l’uso fantastico di materiale “povero” alla costruzione di oggetti e degli elementi del racconto. Suggerisce come la fantasia, la creatività e l’azione siano ottimi ingredienti per alimentare momenti condivisi.

Il secondo laboratorio propone giochi teatrali che permettono l’attraversamento dell’esperienza dell’altro attraverso gli sguardi, gli abbracci, il rispecchiamento. Creare un clima di fiducia, attraverso l’idea di festa avvicina ciascuno al desiderio e all’attitudine del dare, dell’offrire on modo gratuito, rendendo onore all’inestimabile valore della vita.

La realizzazione del Progetto avviene a cura dei volontari AVIS, che si recano nelle scuole e, con modalità da concordare (narrazione oppure evento teatrale oppure visione su schermo della favola narrata da un animatore), presentano la favola e collaborano con le insegnanti alla realizzazione dei laboratori.

Ai docenti verrà rilasciata gratuitamente una copia del dischetto-guida alle attività laboratoriali per eventuali successivi approfondimenti o realizzazione di feste scolastiche sul tema del dono.
 

CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI SCUOLA
 
E’stato organizzato un corso rivolto agli addetti scuola di AVIS Comunale e Provinciale, aperto a tutti i collaboratori che volessero partecipare.
Il docente incaricato per questa formazione sarà il Dott. Enrico Carosio, formatore e docente presso l’Università Cattolica di Piacenza oltre che consulente in diversi progetti con AVIS Nazionale.

Obiettivi
Il percorso formativo, intitolato “Le chiavi per la porta della solidarietà” avrà i seguenti obiettivi:
– Acquisire competenze di base sulla progettazione e sulla didattica;
– Progettare moduli educativi per le varie fasce di età;
– Sperimentare i moduli e valutarne l’efficacia attraverso il coaching del formatore

Durata
La formazione sarà suddivisa in 4 incontri di 3 ore ciascuno, dalle 19 alle 22, più 1 di verifica finale, con mezz’ora di pausa per consentire un piccolo ristoro ai partecipanti.

Date e Contenuti
16 Ottobre ore 19/22
– Cosa significa progettare
– Perché è importante avere un metodo di lavoro
– La didattica: aspetti metodologici
4 Novembre ore 19/22
– Metodologie e strumenti formativi per la classe
– Presentazione assembleare dei moduli
17 Novembre ore 19/22
– Progettazione a gruppi, di 4 moduli promozionali di 2 ore max rivolti a:
o Scuola Primaria di primo grado
o Scuola Secondaria di primo grado
o Scuola Secondaria di secondo grado
o Genitori ed Insegnanti
Il formatore lavorerà a fianco dei partecipanti per sviluppare insieme attività coerenti con l’obiettivo dato.
24 Novembre ore 19/22
– Progettazione a gruppi di 4 moduli (continuazione)
– Presentazione assembleare dei moduli

Coaching in classe
In occasione delle prime sperimentazioni nelle scuole per l’anno 2014-2015, il formatore sarà presente come co-conduttore in 4 occasioni, una per ogni tipologia di target.

Incontro di verifica (in data da destinarsi)
Dopo l’esperienza in classe verrà definito un incontro di 2 ore per verificare l’efficacia dei moduli progettati per apportare modifiche e/o affinamenti.
 

La Responsabile Area Scuola e
Vicepresidente di AVIS Comunale Parma
Stefania Bonfatti Sabbioni

 

 

Attività anno scolastico 2013/2014

Si è conclusa con successo l’attività dei volontari che durante l’anno scolastico 2013/2014, hanno proposto nelle scuole di Parma, il Progetto “Avis l’Alfabeto della solidarietà”. Le Classi coinvolte sono state 102, delle quali 49 nella Scuola Primaria, 48 nella Secondaria di Primo Grado e 5 nella Secondaria di Secondo Grado, per un totale di circa 2250 alunni. Particolare Gradimento è stato espresso da genitori ed insegnanti , per il percorso relativo a “+Volontari-Bulli”, in quanto ritenuto utile ad affrontare le problematiche di tipo relazionale dei ragazzi e far crescere la loro capacità di iniziativa, al fine di attuare comportamenti altruistici e solidali.

 

AVIS, l’alfabeto della solidarietà

Tra le numerose attività di sensibilizzazione promosse da AVIS Comunale, gli interventi nelle scuole occupano un posto di importanza prioritaria.
Riteniamo infatti che la scuola sia sempre stata e resti tuttora il principale punto di riferimento educativo per poter trasmettere ai ragazzi valori importanti, come l’altruismo e la solidarietà, che diventeranno il presupposto fondamentale per il loro inserimento nella vita sociale.
AVIS Comunale, presente già da molti anni nelle scuole di Parma, grazie anche al rapporto di collaborazione instauratosi a seguito del Protocollo d’Intesa siglato con l’Ufficio Scolastico Regionale, il Comune di Parma e tutti gli Istituti Comprensivi cittadini, si pone a fianco dei docenti, delle famiglie e delle Istituzioni, nella certezza di poter dare, attraverso stimoli adeguati, un valido contributo per una corretta formazione dei ragazzi, che oggi si presenta come un compito sempre più difficile e complesso.
Allo scopo di sollecitare atteggiamenti di solidarietà e nel contempo partecipare alla vita della scuola come autentica risorsa educativa, quest’anno AVIS Comunale, oltre agli interventi classici a carattere scientifico-informativo, propone alcuni percorsi di tipo innovativo.

PROGETTO “ROSSO SORRISO”
Il Progetto “Rosso Sorriso”, nasce da un’idea di AVIS Provinciale Bergamo, è dedicato ai bambini della Scuola dell’Infanzia e si basa sulla convinzione che la donazione, ivi compresa quella del sangue, sia un evento intimamente correlato al sorriso, alla festa, alla gioia.
Le attività legate a questo progetto iniziano con il racconto di una Fiaba e si sviluppano in due laboratori ludico-didattici, uno manuale-creativo e l’altro di tipo teatrale. Entrambi sono pensati e proposti come azione condivisa, in cui il gioco diventa un evento di incontro e di scambio fin dall’infanzia, alimentando anche la sinergia tra generazioni e contesti, come la scuola e la famiglia (coinvolta con numerose proposte).
PROGETTO “+VOLONTARI-BULLI”
Questo Progetto nasce da un’esperienza di AVIS Nazionale ed è volto a prevenire e combattere il fenomeno del Bullismo, che si sta diffondendo pericolosamente, come manifestazione di un malessere sempre crescente fra i giovanissimi delle Scuole Primaria e Secondaria di Primo grado.
Il percorso inizia con una rappresentazione teatrale intitolata “Mino il Tauro”, messa in scena dagli attori del Teatro del Cerchio, incentrata proprio su questa problematica e prosegue con un incontro-dibattito sul tema, rivolto ai genitori.
Sono previste, in seguito, attività d’aula dedicate ai ragazzi: con una psicologa per un laboratorio sulle emozioni, con un attore per i giochi di ruolo e infine con i volontari AVIS che trattano i temi dell’aiuto, della solidarietà e della cooperazione, proponendoli come antidoto al bullismo.
Con questo Progetto si vuole sperimentare una metodologia innovativa di intervento, che costruendo contesti di ascolto e di dialogo, possa far leva sulla creatività e sull’entusiasmo dei ragazzi, per individuare insieme a loro le soluzioni migliori al problema. Siamo, infatti, convinti che dal mondo del Volontariato e della Solidarietà possa nascere una risposta concreta e decisiva per aiutare la scuola e le famiglie ad affrontare il disagio dei giovani.


Gazzetta di Parma 12.3.2014 L’Antidoto al bullismo? Il volontariato

PROGETTO “C.S.O. CITTADINI SOLIDALI ORA”
Il Progetto C.S.O. nasce da un’idea di AVIS Nazionale ed è rivolto ai ragazzi della Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado. Si tratta di un percorso che, avvalendosi di un prodotto multimediale, si propone di far riflettere i ragazzi attraverso stimoli di gioco audio-video, musicali e letterari, sul loro mondo e su come la loro vita potrebbe avere un maggior senso nell’acquisire un atteggiamento di solidarietà verso chi ne ha bisogno.
Grazie alla guida di un volontario, le classi vengono invitate ad un approccio relazionale fra pari e con gli adulti, con l’obiettivo di offrire utili spunti per la crescita consapevole della propria personalità e per l’adozione di gesti concreti di volontariato.
Conoscere meglio i ragazzi e i modi di comunicare che li caratterizzano, relazionarsi con loro in maniera positiva, capirli e sostenerne le idee, stimolarli a mettersi in gioco e a pensare al rapporto con se stessi e con gli altri, sono alcune delle sfide che i volontari avisini intendono affrontare con questo Progetto, proponendole contestualmente anche a tutti gli adulti di riferimento, siano essi docenti o genitori.

 


AVIS, l’alfabeto della solidarietà:premiati miglior Spot televisivo e migliore Slogan di invito al dono. Guarda gli spot

 

AVIS Scuola e Formazione

In un periodo storico in cui i cambiamenti sociali, anche ad opera della costante evoluzione tecnologica, sono in continuo divenire, la formazione ed in particolare quella in ambito scolastico, intesa come percorso continuativo da svolgere durante tutto il periodo di attività, costituisce una esigenza sempre più avvertita dai volontari.
AVIS Comunale, per rispondere a questa necessità di sviluppo e consolidamento di nuove competenze, ha organizzato in collaborazione con AVIS Provinciale, che ha finanziato il Progetto, un corso di formazione rivolto a tutti gli addetti scuola di Parma e Provincia.
Il corso, che prevede l’alternarsi di momenti teorici ed esperienziali, ha avuto come relatore il Dott. Enrico Carosio, formatore e collaboratore degli insegnamenti di Pedagogia, Didattica e tecnologie, presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione e della Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza.
L’obiettivo principale che ci si prefigge, è quello di “aiutare gli adulti responsabili delle strutture di volontariato che si occupano degli interventi nelle scuole, ad essere sempre protagonisti di una comunicazione efficace, basata sull’acquisizione di conoscenze ed abilità che possano essere messe in atto realmente durante i loro interventi, in altre parole ad essere competenti“.